Massaggio Bioenergetico Dolce Neonatale di Eva Reich (Massaggio a farfalla)

 

farfalla

Anche detto "massaggio a farfalla" consiste in un tocco lieve su tutta la pelle, con l'effetto di attivare armonicamente tutte le funzioni vitali e rinforzare il sistema immunitario.

 

 

Il rapporto con la madre che fa il massaggio al suo bambino permette l' instaurarsi di una migliore relazione, promuove la formazione del Sé e della sicurezza di base di entrambi.

bambino farfalla

Il bambino più sicuro è meno irritabile, più amabile e maggiormente resistente alle situazioni stressanti.

 

 

 

Il massaggio bioenergetico dolce è applicato anche alle donne adulte prima del parto per rinforzare il rapporto col feto;

massaggio_prenatale

 

dopo la nascita per aiutare la madre a superare l'eventuale difficoltà del parto e promuovere il naturale legame madre-neonato e per prevenire la depressione post-partum;
nel puerperio per prevenire le crisi di adattamento come il pianto inconsolabile, i disturbi dell'alimentazione e del ritmo sonno-veglia.

Obiettivi del massaggio bioenergetico dolce.

Promozione della salute: l'armonizzazione del sistema bioenergetico dell'organismo attraverso il contatto bio-emozionale si realizza con il massaggio di E.Reich ed è, secondo le ricerche svolte da W.Reich, alla base del funzionamento di tutti i sistemi e organi del corpo e quindi della salute e del benessere del bambino e della madre. Massaggio a Farfalla

Prevenzione: si previene la formazione di una rigida corazza e i derivanti disturbi psicosomatici attuali e futuri (chiamate biopatie e descritte da W.Reich ).

Il "Mothering the Mother", fare da madre alla madre è una’approccio di cura con il massaggio a farfalla fatto alla madre prima durante e dopo il parto dal partner, da amiche o da ostetriche è una sicura prevenzione della depressione postpartum.

Cura: ristabilendo il "contatto" si "riparano" traumi della nascita o intrauterini.

 

Cosa sperimenti e cosa impari con il Massaggio a Farfalla... 

* Il "contatto bioenergetico” : il tocco, lo sguardo, il respiro, il pensiero e l'intenzione, il suono e la parola;
* Il “contatto orgonotico”: percezione bioemozionale come funzione del campo energetico 
* Il Sentire bioenergetico nel come processo di Contatto e di Legame (bonding e re-bonding)
* Sensibilizzazione alla propriocezione della risonanza: Percezione del campo energetico orgonico e biofisico nella risonanza del contatto bioemozionale
* Azione dell'autoregolazione bioenergetica nel processo di salutogenesi
* Esperienza biofisica del “Principio del Minimo Stimolo di Eva Reich”: educazione al “non fare” o "saper stare" come "esperienza della presenza in sé", al “farsi spazio che accoglie”
* Educazione alla condivisione dell'ascolto, all'assenza di giudizio
* Nozioni base relative al funzionalismo energetico dei blocchi psichici, somatici e caratteriali, delle principali aree corporee
* Spiritualità del Contatto bioenergetico:
esperienze di Mindfullness bioenergetico nel tocco: contatto orgonotico nell'integralità della percezione sensitiva del corpo, contatto come meditazione dell' ascolto/incontro in Sé e con l'Altro
superamento della frammentazione dell’esperienza percettiva nel processo di Embodiment, conoscenza intrapsichica ottenuta attraverso l’esperienza corporea energetica diretta, sviluppo del proprio potenziale evolutivo, integrazione bioenergetica.
* Pratica del bodyscann sensitivo, con l’ascolto del respiro e della pulsazione energetica cellulare.

scroll back to top